La rivista  il tetto  è nata a Napoli nel  1963 ( il primo numero è uscito  nel gennaio del 1964)  per iniziativa di un gruppo di giovani, universitari e laureati,  credenti e non credenti, cattolici e non, ma uniti tutti dall’intento di dar vita  ad una strumento di confronto e di dialogo .

 

iltetto61.jpg     Storico_iltetto_109.jpeg     Storico_iltetto_122.jpeg     Storico_iltetto_140.jpeg      

Tre sono stati e sono i filoni di ricerca e di osservazione della rivista:

  1. la Chiesa e la sua presenza nel mondo considerando come fondante l’attuazione dell’insegnamento di Giovanni XXIII e  dei principi conciliari del Vaticano II;
  2.  i rapporti tra etica e politica;
  3.  la questione meridionale con particolare attenzione ai problemi della Campania e di Napoli. Durante questi anni l’Associazione Amici de il tetto, attraverso soprattutto  la rivista, ha dato contributi significativi in occasioni  importanti della storia civile e religiosa  italiana, per esempio per la fine dell’unità politica dei cattolici, per  il superamento del Concordato, per la difesa delle libertà e dei diritti fondamentali, per le riforme (referendum, statuto dei lavoratori, diritto di famiglia), per la lotta al terrorismo  ed alle politiche di malaffare nazionali e locali e, nei tempi più recenti, soprattutto per la difesa della Costituzione e per l’attuazione dei principi del Concilio Vaticano II.

Storico_iltetto_155.jpeg      Storico_iltetto_159.jpeg        Storico_iltetto_169.jpeg      

 

I soci e redattori che, cambiando negli anni, si sono ritrovati intorno a Pasquale Colella, uno dei fondatori ed attuale direttore editoriale e presidente dell’Associazione, hanno cercato sempre di esercitare nella Chiesa e nella società una presenza viva e critica, alla ricerca di forme di vita civile e religiosa più giuste ed autentiche, nel rispetto di ogni diversità e rifiutando arroccamenti fondamentalistici.